âme métisse | Rete significa individualità, differenza e confronto. Questo è il sito ufficiale di Marco Canarutto.

Il Gioco

La gerarchia ha i suoi sergenti.  Ermafroditi maschi che gestiscono la truppa. Questo meccanismo vale tanto in Chiesa, con Sigfiga, che al Poli, con Bekkario. Tanto più questi mentecatti sono fragili più rifiutano e rimandano con ogni mezzo il confronto.

In termini marziali sono dei poveri cani che capiscono solo la logica della violenza e dell’abbandono e a cui piacerebbe moltissimo salire a livello top essendo Scimmie; ma per essere Scimmie ci vuole una Semantica e i poveri Sigfiga è Bekkario sono lontani anni luce da avere una Semantica condivisibile.

La loro povera logica,  che devono tenere nascosta, è che Gesù altro non rappresenti che la tristezza di essere femmine. Quindi le varie femmine devono andare con i sergenti e ammettere di essere troie. Oppure dovrebbero semplicemente ammettere di fare pena in quanto femmine e rinunciare quindi al sesso.

Per me la donna è magica e fatata e pur di non scalfire il mio ideale femminile mi metto in gioco, pratico Arti Marziali,  combatto, rischio la vita. Io ce l’ho una Semantica. Ma soprattutto surclasso i due sergenti penosi.

Stupidità abissale

Al Poli si è accettati se si condivide fraternamente qualcosa che ti costi veramente, come il culo di tua moglie.

Non solo questo dovrebbe essere tenuto nascosto, per salvare dignità e apparenze;
non solo questo dovrebbe essere lasciato all’eventuale volontà dell’ingegnere e non carpito con violenza; dovrebbe essere transazione e non avvenire prima della transazione;
ma soprattutto dovrebbe semmai avvenire quando l’ingegnere ha ancora qualcosa da spartire col Poli e non invece quando sta per andarsene perché si laurea.

Dato che all’epoca me la facevo con delle autentiche troiette per me condividerle col Poli non sarebbe mai stato un problema; però  la mia dea di riferimento, all’epoca era mia madre. Mai avuto nulla da dire né allora né adesso sui suoi amanti ingegneri e non.

Il Poli si goda il nulla che si è tenuto per sé per 25 anni mentre io mi sono invece costruito una famiglia yin.

Il Poli degli stupidi mi rifiuta? Meglio così.

Pierino

Sono 25 anni che la classe dirigente vuole solo dimostrare che non ci sia alternativa all’anale omosex subito dai preti da piccoli e che quindi spinge per buttarla al culo a tutti quanti a partire dall’allievo di valore e di talento.

Barza. Pierino deve svolgere il tema “Passa il treno”. Scrive solo ” E io mi scanso”. Il maestro esterrefatto gli dice “E io ti do 4″. È Pierino: “Meglio prendere 4 che finire sotto un treno”. È la storia della mia vita.

Comunicazione efficace

Un buon manager deve avere una comunicazione efficace. Uno degli elementi chiave della comunicazione è avere ben chiaro il ruolo di chi sta comunicando cosa. Nel mio caso, da bambino anche se mi era chiaro che l’atteggiamento dei miei era “stupidamente” contro l’armonia universale, non mi era chiaro che qualunque mia predica facesse ridere perché il mio ruolo era di ultima ruota del carro.

Il Maestro ti fa lavorare in modo da comunicare solo quanto sia coerente col tuo ruolo. Nel mio caso attuale io comunico solo quello che non va in contraddizione col mio ruolo di gregario. Nel frattempo si lavora e si comunica per migliorare il proprio standing sociale e professionale.

Quello che ne deriva è che prima di comunicare mi metto sempre in una posizione di indifferenza rispetto al recepimento o al non recepimento del mio messaggio. Ci sono quindi dei metodi per affermarsi socialmente, per avere una buona vita sessuale, monogama e familiare. Però ognuno si regoli come crede, io non credo né ai preti né all’armonia universale. Ognuno per sé e Dio per tutti.

L’armonia universale

L’armonia universale, contrabbandata da tua mamma se sei Ebreo o dai preti se sei Cattolico, oppure dagli Haare Krishna, non è fisicamente realizzabile o, per dirla in termini ingegneristici, il sistema non ammette soluzioni sul piano reale.

Perché? L’equazione è semplicissima: da Eva in poi le risorse per essere maschio socialmente legittimato sono razionate, così come si raziona, nella Civiltà, la femmina. Quindi appena mostri il culo puntando sull’armonia universale, troverai qualcuno che te la butterà al culo per valorizzare la propria maggiore furbizia, la maggiore forza e il maggiore opportunismo.

Puoi ottimizzare il sistema intorno a te quanto vuoi, beninteso. Ma appena tu volessi istituzionalizzare l’armonia, passeresti da frocio e perderesti tutto. Anzi, in taluni casi, la bastonata può arrivare ancora prima del tuo tentativo di ufficializzare l’armonia.

In parole povere, se sei bravo mandi avanti al meglio la tua famiglia, in mezzo a persone che ti rispettano. Dal lato religioso o dell’armonia universale di più non puoi fare. Poi se sei bravo puoi invece cercare di creare ricchezza intorno a te, ma quello è tutto un altro film.

Il Serpente

Se lei è carismatica e fatata,  per semplice confronto io potrei apparire un po’ parassita e disonesto. Tutto bene finché questa malizia è un gioco di coppia che si risolve a letto.  Il problema è quando, sulla scorta dell’attacco di mamma,  diventa sistema di potere.

Il problema di dimostrare di essere onesti infatti non ha soluzione.  L’unica soluzione valida per il sistema ma non per me è la mia crocifissione.

Il Serpente ritrova le zampe se ammette di poter essere considerato anche disonesto da donne maliziose o di potere. Il Maestro imponeva infatti di limitarsi a seguire le leggi dello Stato e di non entrare mai nel loop senza fine di fare il santo e poi di offendersi qualora la propria moralità venga messa in dubbio.

In altre parole non vince necessariamente il più paranoico che crede alle scorregge dei preti e applica 10 regole vere e altre 2.000 inventate. Può vincere anche il più simpatico perché alla fine è perfettamente naturale che la femmina vada col maschio in modo ciclico.

La femmina regoli la propria ciclicità sul sesso. Tanto se vuole lei si tromba. E se non vuole non si tromba. Ogni tanto si tromba anche quando vuole lui ma non è poi così rilevante. Questo semplifica da morire tutto quanto.

Eden

C’è stata la rivoluzione sessuale e tutte fanno tutto e lo sanno tutti. Il vero problema è di fantasia per lui.

L’Everest è stato scalato anche a testa in giù e gambe in su, non c’è più nulla da scoprire e non c’è più molto da fare per eccellere.  Il problema è femminile di giustificazione sociale a starci.

Ci vuole un nuovo patto sociale e sessuale che già che ci siamo ci riporti al Paradiso Terrestre. Come? Semplice: il Serpente deve ritrovare le zampe e tornare sull’albero. I maschi controllando il desiderio chiariscono a se stessi e mettono in chiaro intorno a loro che esiste una ciclicità nel piacere femminile di essere umiliata, che può essere gestita civilmente a letto. Anzi lei è grata a lui perché la soluzione è sessuata e non violenta,  malgrado le di lei rotture di scatole e provocazioni varie a lui.

Tra una trombata e l’altra lui dovrà giocoforza affermarsi e quindi manderà avanti la coppia, la famiglia e la Civiltà.

D’altronde,  secondo voi, quanto sono attuali la Genesi, la Chiesa e il concetto di Peccato Originale basati sulla vergogna maschile di ricevere pompini? Non vi sembra che siano leggermente superati, come il mio libro e il mio blog dimostrano da qualche anno in qua? La vergogna maschile è temporanea e ciclica dopo essere stato soddisfatto.  Non è più eterna come nelle generazioni scorse.

Naturalmente le donne rischiano di essere un po’ banalizzate e quindi il carisma non dipende più dai pompini che possono fare ma da quello che non fanno cioè da quanto non si inflazionino.  Conterà molto essere monogame anche se disposte a tutto con l’unico partner. Naturalmente le zoccole ci saranno sempre ma il modello femminile di riferimento si sposta dalla mangiatrice di uomini alla moglie monogama.

Buon sesso e buona vita a tutti e a tutte.

Amore

La libido maschile è sconveniente perché se lei non desidera lui evidentemente è un parassita. Tutto dipende dal maggior piacere maschile,  necessario per negare la di lei libido e il di lei piacere e per salvare la libido maschile.

Ma il di lei piacere è comunque abbastanza da permetterle il ciclo del sesso nella civiltà.  Le donne, consapevoli di tutto questo, ne approfittino per svegliarsi e per togliersi un po’ di inibizioni,  a tutto vantaggio della felicità di coppia.

 

Ratio

Come al solito, la razionalizzazione arriva sempre dopo la vittoria. La donna che ha perso il controllo dell’invidia penis la butta sul potere. Mentre lei finge col gregario di voler essere salvata dal bruto, in realtà si gode il sesso di rivalsa col bruto di cui sopra, senza bisogno di doversi eventualmente lasciare andare con fiducia. Col sesso anale di rivalsa lei gode in realtà moltissimo però diventa stronza, cioè perde la capacità di rimuovere. Se rimuove rischia di essere rimossa. Quindi si crea la vittima sacrificale da crocifiggere, che autorizzi con la propria sconfitta, la rimozione per tutta la parrocchia, cioè per tutta la piramide che fa capo alla dea.

La cosa triste è che l’ingenuo da crocifiggere in questo caso è proprio carne della sua carne, è figlio suo. Cosa si salva dalla generazione precedente? Proprio niente. Dobbiamo ricominciare da zero.

Conclusione

In sostanza il potere cerca di sbattermela al culo e vuole che io mi rassegni all’impossibilità di negare di essere frocio e di voler essere messo sotto da loro. Così saranno legittimati a essere gregari della troia.

Gli ultimi 25 anni di storia dimostrano che il potere non ce l’ha fatta e che più passa il tempo, meno ce la può fare. Io infatti, responsabilizzato controvoglia, sto mandando avanti egregiamente il ciclo etero intorno a me.

Volete vedere se sono gay? La risposta corretta è; “non sono fatti vostri. Se vi brucia e volete a tutti i costi approfondire andiamo al combattimento, ma questa volta esplicito e in campo aperto. Voi a dire che in verità io sarei gay e io ad affermare che non sono affari vostri. Andate giù in un nanosecondo”.